ani


 

 

 




d

> Risparmio energetico

> Risorse Utili

a


Risparmio energetico:

PROPOSTA DI ISOLAMENTO TERMICO PER I LAVORI DI FACCIATA.

La riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento del fabbricato, fa sì da attingere, solo lo stretto necessario alle risorse energetiche fossili, come petrolio e metano necessarie per il funzionamento dei sistemi di riscaldamento, riduzione che interpreta il vero principio di rispetto ambientale.

L’isolamento termico a cappotto dei fabbricati, rende possibile tale obiettivo, tenendo presente che un fabbricato ben isolato, crea un clima salubre al suo interno ed offre notevoli risparmi sui costi del riscaldamento, fin’anche al 40%, rappresenta in assoluto, un’autentica fonte d’energia, la più importante, poiché consente di ridurre effettivamente i consumi per il riscaldamento della casa, e quindi di risparmiare preziose materie prime, contribuendo così fattivamente alla riduzione delle emissioni di CO2, oltre che ad un sicuro vantaggio economico, che va dai previsti benefici fiscali, ad una più economica gestione del sistema di riscaldamento.

A rinforzo della sempre più diffusa teoria, si deve sapere che i due fattori principali del comfort termico all’interno di un ambiente, sono: la temperatura dell’aria e la temperatura d’irradiazione;
la temperatura dell’aria, è normalmente ottimizzata dal riscaldamento, mentre la temperatura media d’irradiazione,
è data dalla temperatura sostanziale delle superfici e degli elementi strutturali che compongono l’ambiente che circondano la persona.Alla luce di quanto sopra si può affermare che:

“Si raggiunge un benessere, quando lo stato termico delle pareti d’ambito, sommato a quello dell’aria, raggiunge all’incirca la nostra temperatura corporea.”

L’isolamento termico che Vi proponiamo, è traspirante; il medesimo influisce direttamente sulla temperatura delle superfici d’ambito, decisive della dispersione del calore; che inversamente saranno trasformate in accumulatore di calore che sarà restituito durante la notte nelle ore di non funzionamento dell’impianto di riscaldamento. Lo stesso, inoltre, agisce positivamente anche durante il periodo estivo, assicurando un’ottima inerzia termica del corpo murario, che non più esposto direttamente ai raggi del sole, limiterà il proprio effetto irraggiante in direzione opposta, riducendo così sensibilmente, la necessità di climatizzazione degli ambienti.